L'idea

Nel mondo moderno molti sono soliti definire come "utopia" o come "bel sogno" una società fatta di persone oneste, che hanno un profondo rispetto le une per le altre, una società dove ci si possa fidare del prossimo senza temere di essere pugnalati alle spalle. Per quanto mi riguarda, mi sono proprio stancato di sentir definire utopistica una situazione che dovrebbe essere l'assoluta normalità. Oggi capita spesso di sorprendersi se qualcuno ci restituisce il portafoglio, trovato per terra, con tutti i soldi dentro, oppure se ci dimentichiamo le chiavi in macchina e il giorno dopo ancora nessuno l'ha toccata. Per essere precisi, dovremmo stupirci del contrario, visto che tra i principi morali universalmente condivisi c'è la consapevolezza di quanto sia sbagliato appropriarsi indebitamente di beni altrui. Anche in questo caso, quindi, come sono solito fare, ho voluto cambiare prospettiva ed andare contro corrente: ho pensato che se espongo i miei prodotti in un mercato e lascio il banco incustodito indicando la modalità di pagamento, è assolutamente normale che chi prende qualcosa paghi quanto dovuto.

Il banco è costituito da:

- un tavolino generalmente di piccole dimensioni

- una cassetta per i soldi

- un cestino con materiale informativo

- i prodotti suddivisi in ceste con indicazione del prezzo

- un foglio con le istruzioni per l'uso

Come si può notare, è una cosa semplicissima, che comunque ha in sé un grosso potenziale: da un lato diffonde ottimismo e fiducia nel prossimo, dall'altro è un discreto indicatore statistico dell'onestà di un paese e di chi lo abita o frequenta.

Nella colonna a destra, la classifica dei paesi più onesti, che non va letta come un valore assoluto, ma va interpretata secondo alcuni criteri, che spero di esprimere nella maniera più esauriente possibile.

Una nota che mi fa piacere esprimere: dal momento che mi è stato richiesto (anche mediante bigliettini nella cassetta) come mi regolo a livello fiscale, rispondo che, dopo ogni mercato, segno regolarmente quanto incassato sul registro dei corrispettivi. Anche questo tipo di richieste è sintomo di onestà. Per maggiore trasparenza, nella colonna centrale riporto il totale incassato e la media di onestà dei paesi in cui ho effettuato il sondaggio.

IL SELF SERVICE DEGLI ONESTI

La classifica

Stabilire l'onestà di un intero paese con un piccolo esperimento non è possibile, per cui i dati presenti nella tabella sottostante, sebbene siano dati oggettivi, non sono da intendersi come un valore assoluto, ma semplicemente come indicazione di un comportamento tenuto in un determinato contesto.

La percentuale di onestà di un paese, indicata come ultima voce della tabella, da sola non sarebbe molto esaustiva, perché da un paese all'altro cambiano il numero di persone che passano davanti al banco, la durata dell'esposizione, le condizioni meteo e tanti altri fattori che influenzano l'andamento di un mercato. Inoltre, col tempo, sto gradualmente aumentando la varietà e il numero dei prodotti esposti, aumentando il coefficiente di rischio, indicato nella tabella con la sigla c. r. Esso si calcola valutando il prezzo medio, in centesimi di euro, di un cm3 di prodotto esposto: questo perché più un prodotto è piccolo, più è facile metterselo in tasca. Secondo la mentalità comune, più è alto il c. r., più dovrebbe essere bassa la percentuale di onestà, ma non sempre è così.

Ultima considerazione che ho adottato, il "giro d'affari" di ogni località, ovvero il valore commerciale totale della merce asportata. Più è alto, più il sondaggio è attendibile. Nella tabella questo dato è distinto dai colori, confrontabili con la legenda nella colonna centrale.

 

Paese c. r. %
Maserno (MO) 2,43 100
Villa d'Aiano (BO) 1,88 100
Montecorone (MO) 1,19 100
Monteveglio (BO) 1,32 100
Rocca di Roffeno (BO) 4,13 100
Montese (MO) 1,15 98,17
Labante (BO) 1.69 97,74
Zocca (MO) 1,19 89,4
Montombraro (MO) 2,4 80,21
San Cesario s/P (MO) 1,32 76,5
Lama Mocogno (MO) 2,43 76
Bazzano (BO) 1,15 68,45
Vignola (MO) 1,15 n.c.*

I paesi in cui il Self Service degli Onesti ha avuto maggior successo sono, ad oggi, Labante, che per la costanza nell'onestà si sta dimostrando il più virtuoso, e Bazzano che, nonostante una clamorosa disfatta al primo tentativo, sta dimostrando sempre maggior interesse. Crescente interesse anche a Montese, dove grazie alla gentile collaborazione di Nadia e Giacomo il Self Service è operativo quasi tutti i giorni, con ottimi risultati.
* A Vignola, invece, il banco è stato sequestrato dalle forze dell'ordine e non mi è stato permesso di portare avanti il progetto.

Presentazione del modello base del Self Service degli Onesti in occasione di un concorso indetto da ANTER per trovare idee innovative per il nostro paese. Per maggiori informazioni sull'associazione visitare il sito www.anter.info.

 

Attendibilità del sondaggio:

Presenza di anomalie
< 10.00 €
10.00 - 19.99 €
20.00 - 49.99 €
50.00 - 99.99 €
100.00 - 499.99 €
500.00 - 999.99 €
1000.00 € e oltre 

 

Incasso totale:

824,83 € (aggiornato al 26/11/2013)

Onestà media:

90,94 %

 

Sei una persona onesta?

Leggi questa proposta!

Se sei un sindaco o un amministratore comunale e vuoi un tour del Self Service degli Onesti nella tua città, manda una mail a frunz.dc@libero.it. Potremmo accordarci anche per un appuntamento fisso, ad esempio nell'ambito del mercato settimanale. Il nome del tuo paese comparirà nella classifica.

Torna alla pagina dell'azienda Ca' del Campanaro

Torna alla main page di Tante Cose Meravigliose

Per la realizzazione di questo sito è stato scelto lo sfondo nero. Non è una semplice scelta estetica (anche se più volte ho sentito frasi del tipo "lo schermo nero è più figo"), e nemmeno soltanto un'innovazione dai benefici effetti sulla salute (questa combinazione di colori rilassa la vista più di quella tradizionale), ma è soprattutto un modo per farvi risparmiare energia, perché i pixel che compongono lo sfondo sono la maggior parte e, negli schermi a tubo catodico, quando sono bianchi, vuol dire che sono completamente accesi, quando sono colorati lo sono in parte e quando sono neri sono spenti. Il risultato è un minor assorbimento di corrente (negli schermi LCD il risparmio energetico relativo al colore è minore e dipende dai criteri di retroilluminazione con i quali vengono costruiti). Si parla di una manciata di centesimi, ma in questo sito c'è tanto da vedere e rivedere che avrete voglia di lasciarlo acceso per molto tempo e di farlo vedere a tutti i vostri amici, e quindi anche quei pochi centesimi possono, nel lungo periodo, dare un grosso contributo in termini di risparmio energetico ed economico a tutta la collettività. Il colore verde delle scritte, che ben risalta sul nero, che tende a rilassare chi legge e che evoca nel titolare il ricordo dei colori della squadra di pallamano in cui giocava da ragazzino, sta anche a significare l'impronta "GREEN" che questo sito e i suoi contenuti vogliono lasciare in chi legge e in chi vive su questo pianeta.